You are currently viewing OPUSCOLI di STORIA MILITARE “EDIZIONI CHILLEMI” – Masterclass
Opuscoli

OPUSCOLI di STORIA MILITARE “EDIZIONI CHILLEMI” – Masterclass

Sino ad anni recenti, la storia militare in Italia era piuttosto negletta. Chi s’interessava di armi, battaglie, eserciti e uniformi era considerato un tipo anomalo e guardato con sospetto. Meritevoli ma solitarie eccezioni erano gli studi di Piero Pieri e Giorgio Rochat, oltre alle pubblicazioni istituzionali dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, dettagliatissime ma ponderose. Pertanto chi coltivava tali interessi era costretto a rivolgersi a testi anglosassoni (gli opuscoli della celebre collana Osprey) e francesi (soprattutto per il periodo napoleonico). Non così accadeva in altri paesi di più lunga e solida tradizione democratica, come la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, dove questi studi sono sempre stati in auge. Da qualche tempo anche nel nostro paese il panorama è mutato. Ora anche in lingua italiana è possibile trovare un buon numero di pubblicazioni di spessore storico e piacevole scrittura. Mi limito a ricordare i volumi di Mursia sulla Prima Guerra Mondiale, la collana “Le Guerre” dell’Editrice Goriziana e molti altri editori come Mondatori, Newton, Laterza, Einaudi, Carrocci, che hanno aperto a tali argomenti i propri cataloghi.
Un discorso a parte meritano le riviste specializzate che con merito, impegno e sacrificio hanno cercato di colmare le lacune del settore. Su tutte la purtroppo defunta Panoplia, diretta da Livio Agostini, uscita fra il 1990 e il 1998 per arrivare alle più recenti Dadi e Piombo, Soldatini, Tuttosoldatini che, pur se nate nell’ambito più specifico e ristretto del mondo del soldatino, dedicano spazio e attenzione anche all’uniformologia e alla storia militare.
A questo proposito vogliamo segnalare l’iniziativa delle Edizioni Chillemi (www.edizionichillemi.com) di Roma che ha dato alle stampe una serie di agili opuscoli monotematici, formato A4, dedicati a vari argomenti di storia militare con un occhio attento agli aspetti strategico-tattici, all’uniformologia ed ai giocatori di wargames.
I testi già usciti sono più di una ventina, caratterizzati tutti da una piacevole copertina tricolore, opera di autori diversi e con taglio non sempre omogeneo, ma comunque tutti meritevoli di attenzione, dato anche il prezzo estremamente contenuto (da 12 a 24 euro secondo il numero di pagine ). Responsabile della collana è Riccardo Affinati, appassionato di wargames e autore anche di alcuni regolamenti di gioco.
I temi trattati sono svariatissimi. Si va da I Garibaldini (il primo della serie) ai Partigiani d’Italia (n. 2) e al parallelo Forze armate della R.S.I. (n. 16); dalla Guerra di Successione Spagnola (n. 8) a quella Italo-Etiopica (n. 11); dalle Guerre di Cesare (n. 18) agli Eserciti sul Piave (n. 3). Alcuni testi sono dedicati a corpi specifici, come quello sugli Ordini Religioso–militari (n. 4), I Soldati del Papa (n. 13), La Cavalleria Italiana (n. 17), i Paracadutisti tedeschi (n. 12), a specifiche battaglie come Cassino (n. 15), a condottieri come Wellington (n. 9) o ad intere campagne come Napoleone in Italia (1796-1797) (n. 19), La Guerra Italo-Turca e le rivolte senussite (1911-1931) (n. 22), L’armata d’Italia nella campagna del 1809 (n. 23). Per gli appassionati di mezzi militari abbiamo Carri armati tedeschi e italiani (n. 5) e la Regia Marina Italiana (n.7).
In conclusione una collana ampia e variegata che può trovare posto nella biblioteca di ogni appassionato e costituire un primo ma non banale approccio a svariati temi di storia militare

Paolo Di Marco