You are currently viewing La pittura di un Tartan Scozzese – Masterclass
Pittura Tartan Image001

La pittura di un Tartan Scozzese – Masterclass

Di HumbertoGarrido Martín

In questo articolo mi appresto a spiegare la sequenza che seguo tutte le volte che devo dipingere un tartan scozzese. I soggetti con il tartan sono decisamente accattivanti, però a molti appassionati gira la testa quando devono pensare di doverlo dipingere sul pezzo per la complicazione che generano la presenza di così tanti quadri e linee in così poco spazio. Senza dubbio, credo che se noi lo affrontiamo con tranquillità e in forma “ordinata” non risulterà poi così difficile e il risultato sarà probabilmente spettacolare.

All’inizio, il tartan sul quale andremo a lavorare sarà il “ Black Watch”, chiamato anche “Gubernamental” per il fatto che del disegno è titolare lo stato Britannico e che è usato dal 42° Reggimento di Fanteria Britannica conosciuto come Black Watch e nessun altra unità di Highlanders.Esistono altri 2 disegni basati su questo tartan con poche varianti che vedremo alla fine; sono il “Gordon” e il “Mackenzie”, anch’essi usati dalle unità scozzesi dell’esercito britannico.
In primo luogo dopo aver preparato in modo appropriato e imprimerato il figurino dovremo decidere quale sarà il primo colore da applicare. Per farlo bisogna reperire una buona immagine del  tartan da riprodurre, analizzare la composizione della trama e una volta individuato il colore dominate si andrà a dipingere l’intera superficie interessata con il colore in oggetto.

Tartán Black Watch

Inizialmente ho realizzato una una rappresentazione schematica della trama, che in realtà è molto più ricca di linee di colore scuro, ma per le nostre necessità (la pittura di un figurino in 54 mm 70 mm o 90 mm) credo utilizzando il seguente schema il risultato possa ritenersi soddisfacente.
Nelle scale maggiori si possono anche realizzare tutte le linee, ma nelle piccole scale credo si debba dipingere quel tanto che l’occhio può apprezzare e interpretare. Personalmente mentre per realizzare questa trama, parto con il dipingere tutta la superfice interessata con un blu scuro (un mix di turchese, marrone scuro e nero). Dobbiamo prestare molta attenzione in questa fase cercando di applicare il colore senza produrre spessori, specialmente nelle pieghe retrostanti, altrimenti l’effetto finale sarebbe poco piacevole.
Lumeggiamo il fondo e passiamo allo step successivo; le ombre con un colore così scuro possono essere addirittura realizzate con delle lavature di nero opaco molto diluito.

Color Base del Tartán

Successivamente presteremo attenzione vedendo quante righe orizzontali vengono ripetute nell’estensione che desideriamo dipingere. E’ necessario vengano realizzate in modo il più possibile parallele tra loro e dello stesso spessore. Ciò è molto importante perché con questa operazione creiamo la “misura” della trama, cioè l’ampiezza e la distanza dei quadrati tra loro – che dovrebbero risultare ne troppo grandi ne troppo piccoli. Realizziamo quindi le righe orizzontali al tessuto comprese le pieghe e gli altri dettagli del Kilt.


Rayas horizontales del Tartán

Continueremo seguendo la stessa procedura con le linee verticali. Formeremo in questo modo in tutta la superficie una griglia. Questo secondo colore è un verde molto scuro o un verde militare. Questo verde lo misceleremo con una piccola dose di blu di base perché in effetti il tessuto è formato da un mix di lane di entrambi di colori. A questo colore  applicheremo le relative luci coerenti con le luci che abbiamo realizzato nella base blu nel retro in particolare lo applicheremo nelle creste e nelle pieghe

Rayas verticales del Tartán

A questo punto del processo di pittura noi noteremo già dei risultati: avremo una scacchiera sulla quale lavoreremo applicando il resto delle linee fornendo la finitura definitiva. Una cosa molto importante in questo tipo di processo pittorico così come quando realizziamo delle araldiche o dei motivi geometrici ripetitivi, è quello di non stancarsi troppo dipingendo perché il processo richiede molta attenzione e bisogna evitare di commettere errori che possano rovinare il nostro lavoro.
Successivamente dipingeremo i quadri dove si incrocia il verde con un tono di verede più chiaro; nel retro si dipingono gli incroci con il verde chiaro anche dove ci sono creste o pieghe.

Cruce de líneas del Tartán

Proseguendo dipingeremo con un grigio molto scuro, attenzione no nero puro, le unioni tra i quadri; come sempre prima le righe orizzontali poi quelle verticali e nel retro applicheremo questo colore nelle pieghe e nelle cavità.


Líneas de unión entre los quadro

Il nostro lavoro sta prendendo forma e corpo, e le righe che stiamo disegnando sono sempre più fine e su queste dovremo porre sempre più attenzione. Adesso dobbiamo dipingere le righe fini da porre all’interno dei quadri; nell’immagine a fianco vediamo lo schema che dovremo seguire. E’ consigliabile lavorare seguendo un metodo. Io applico sempre prima le righe orizzontali  e poi quelle verticali; nel retro dipingo solo le righe orizzontali e delle righe fine sulle sporgenze.


Líneas interiores de los cuadros

Praticamente adesso abbiamo finito il disegno, adesso dobbiamo applicare dei punti con del nero puro negli incroci delle linee grige; dopo di che ombreggeremo così come descritto all’inizio. Eco dunque finito il tartan!


Cruce de las líneas grises

Il tartan “MacKenzie” ha praticamente lo stesso schema di colori, ma dovremo sostituire le righe nere che incrociano i quadri verdi chiari con delle righe di color grigio molto chiaro, con un punto di bianco sugli incroci; sostituiremo poi le righe che attraversano i quadri azzurri  con delle righe color marron rossiccio con punti di rosso negli incroci.


Tartán MacKenzie

Nel caso del “Gordon” dovremo sostituire le righe pasanti in verde con altre in giallo.


Tartán Gordon

Spero che questo metodo sia utile quando si dovrà dipingere un figurino con queste caratteristiche. I disegni che abbiamo posto a sostegno del testo sono schematici e come detto all’inizio la cosa migliore è quella di reperire una buona immagine e cercare di riprodurla. Di seguito qualche esempio di highlanders con tartan


Highlander con Tartán Black Watch

Highlander con Tartán MacKenzie

HumbertoGarrido Martín – Febbraio 2006