itenfrdees

MA DI CHE COLORE ERA LA TUNICA DEL LEGIONARIO ROMANO?

Chiunque sia appassionato di modellismo, e senza dubbi, il modellista “medio” di figurini, non può non essere affascinato dalla storia. E uso il termine “affascinato” in luogo di “appassionato”, in quanto dedicarsi ad una passione implica vero coinvolgimento, dedizione, ricerca, studio, cosa che non sempre accade, se penso a me stesso, a volte semplicemente perché è praticamente impossibile riuscire a seguire ogni evento della vita che desta il nostro interesse.

Thumbnail imagePremesso che quanto segue è frutto semplicemente di mie elucubrazioni senza alcuna presunzione, buttate giù in libertà, come a fare due chiacchiere tra amici, tramite tali riflessioni si è reso evidente come il dedicarmi ad un soldatino mi abbia fornito l'occasione di colmare, di volta in volta per epoche diverse, quei vuoti nella conoscenza dei fatti storici, che spesso mi rammaricavo di non riuscire a studiare come mi sarebbe piaciuto.

tavola-4-storia-uniformi

17. Austria: “Rgt Sassonia-Coburgo”, Moschettiere, 1690

Fino al 1708 in Austria la struttura delle uniformi era lasciata alla libera scelta dei comandanti dei reggimenti.
Tuttavia tra le più usuali vi erano le uniformi di lana naturale grigia, probabilmente perché erano le più a buon mercato. Perciò quando nel 1708 si volle stabilire un colore unico per le uniformi della fanteria, parve del tutto naturale scegliere il grigio chiaro come colore di fondo.
Poiché la scelta delle uniformi era di competenza dei comandanti di reggimento, poteva succedere che più reggimenti avessero gli stessi colori. Tuttavia erano possibili varianti in quanto alcuni reggimenti portavano calzoni e calze nei colori del reggimento, mentre altri reggimenti li portavano grigi.
Per quanto riguarda le buffetterie di cuoio che facevano parte dell’uniforme, si adottò una nuova disposizione in quanto ora la spada veniva portata appesa al cinturone come nella cavalleria.

 

(13) Paesi Bassi: Ufficiale d’Artiglieria 1668

In quasi tutti gli eserciti, fin dall’inizio, venne scelto per l’artiglieria un abbigliamento scuro.
Al tempo della polvere pirica e dei cannoni ad avancarica non si poteva considerare il lavoro dell’artiglieria un lavoro pulito.L’artiglieria era originariamente una corporazione.
Per poter entrare a farne parte si doveva aver fatto tirocinio e aver dato un esame di prova.
Gli artiglieri ben addestrati erano gente ricercata, che vigilava gelosamente sui segreti del proprio mestiere. Al tempo in cui i Paesi Bassi non avevano alcun governatore, gli ufficiali portavano una sciarpa rosso carminio.
Quando nel 1672 si tornò ad insediare come governatore un principe di casa di Orange, venne nuovamente introdotta la sciarpa di color arancione, il colore della casa di Orange; tale sciarpa viene portata ancor oggi.

 

(9) Inghilterra: Guardia a piedi, Moschettiere 1660

Oggi “Grenadier Guards”. La guardia a piedi fu costituita nel 1656 dal vecchio re d’Inghilterra Carlo II, durante il suo esilio nei Paesi Bassi, e reclutata tra i moschettieri fuoriusciti.
Il costume che qui viene presentato venne indossato dalla Guardia quando essa sfilò in parata dinanzi al re in occasione della sua partenza per i Paesi Bassi nel 1660.
Esso presenta molti tratti fuori moda. Il casco, la casacca di cuoio, la bandoliera si trovano già nei costumi dei soldati della guerra dei 30 anni.
Poiché gli abiti indossati sotto la casacca erano rossi per tutti gli appartenenti alla Guardia, si poteva parlare di una uniformizzazione.
Gli ufficilai della Guardia portavano un’uniforme di taglio moderno (5) che consisteva in un giustacorpo blu con risvolti delle maniche rossi riccamente guarniti con galloni d’oro.
I calzoni e le calze erano rossi e il cappello era ornato con piume rosse  e bianche.

L'adozione vera e propria di una uniforme è da ricercarsi inizialmente nei corpi di guardie istituiti dai principi nel XVI e XVII secolo allo scopo di difendere la loro persona e di esaltare la loro potenza.
Tali corpi potevano essere composti da nobili o potevano venire assoldati all'estero od essere costituiti da sottoufficiali particolarmente meritevoli.
In ogni caso i corpi di guardie erano vestiti in modo sfarzoso e muniti di armi ricercate, una tradizione questa che si può dire sia continuata praticamente fino ai nostri giorni.