itenfrdees

Il concorso del soldatino di Lione ( 19 e 20 febbraio) apre tradizionalmente la stagione delle mostre che quest’anno avrà il suo culmine con il mondiale di Montreux.dal 19 al 21 agosto.
Certamente l’incombere di un mondiale fra meno di 6 mesi incide sulle scelte dei soldatinari: bisogna lavorare assiduamente per presentare in tempo i “pezzi col botto” ed evitare di scoprire le carte anzitempo Sarà anche per questo che l’edizione del 2011 non è riuscita a battere il record di presenze registrato lo scorso anno, quando si erano superati i 900 pezzi in mostra. Questa volta ci si è assestati sui 750 kit, un numero, comunque, di tutto rispetto. Vivace e molto qualificata, come sempre in Francia, la presenza del settore fantasy.
Fitta la rappresentanza italiana in giuria con Fabrizio Russo, Riccardo Ruberti, Ugo Pozzati. Altri giudici Pepa Saavedra, Allan Carrasco, Abel Carstern e Antoine Lavallee: presidente Jean–Luis Pierre. Una giuria che ha lavorato in perfetta armonia e con grande scrupolo.
Thumbnail imageOttimi i risultati conseguiti dagli italiani: Best of Show al duo Mariano Numitone-Francesco Farabi; Best of painting storico a Massimo Pasquali. Best of painting fantasy al francese Party Steve del Club Montrouge.
Segnaliamo ancora due ori in master pittura a Diego Ruina e Massimo Pasquali; due argenti a Mirko Cavalloni e Aleksander Michelotti; in "creazione" oro a Franco Gazzani; argento a Benussi, Jacobacci, Frata, Pasquali e Maurizio Bruno,  
Che dire di più? Un clima cordiale e di amicizia autentica si è avvertito per tutta la mostra ed ha contagiato tutti i presenti. Encomiabile l’efficienza del Club Lugdunum, in primis nella persona del presidente Luis d’Orio.
Per le foto della mostra, dei pezzi in concorso, della premiazione e il palmares completo con i punteggi rinviamo al sito dei padroni di casa “Lugdunum figurines”, molto ampio e ben documentato.
Qualche riflessione merita l’esito del concorso. Con il “best” assegnato nuovamente ad un pezzo fantasy dopo un analogo fatto accaduto a Folkestone, a Monte San Savino (ed ora a Calenzano) sorge legittimo qualche interrogativo fra i cultori dello “storico”. Davvero gli scultori e i pittori fantasy possono vantare quel quid in più che manca ai professionisti dello storico? Solo dal fantasy ci arrivano le più innovative sculture, i migliori soggetti, le più belle pitture? I maestri dello storico dormono sugli allori di un tempo e difettano di creatività? O è la moda del momento a dettare legge?
Il dibattito è aperto…

Paolo Di Marco

apsLa mostra/concorso “Au Petit Soldat” si conferma e si consolida nella sua seconda edizione, che ha avuto luogo a Bra (CN) l’11, 12 e 13 giugno. Certo non si avvicina ai numeri di alcune gloriose e forse irripetibili edizioni del quasi omonimo concorso di Saint Vincent di cui vorrebbe raccogliere l’eredità, ma bisogna dire che Ivo Preda e la sua equipe hanno lavorato sodo e i risultati si vedono.

Molto bella e più che adeguata la sede scelta, il Movicentro di Bra: struttura a due piani in vetro a acciaio, trasparente e luminosa. A piano terra hanno trovato posto la segreteria del concorso e l’area commerciale: presenti le ditte Bestsoldiers, Meridiana, Masterclass, Soldier, D&W International, Au Grenadier, il Basetta, Pivato, 27 Rosso.

Thumbnail imageSi è appena celebrato a Lione, il 13 e 14 febbraio 2010, il concorso che in Europa inaugura la nuova stagione di mostre dell’anno in corso.

970 i pezzi presenti (senza il maltempo del fine settimana si sarebbero facilmente superati i 1000!). Molto elevata la qualità non solo fra i master ma anche nelle categorie “inferiori”; efficiente l’organizzazione che ha sistemato i piani espositivi all’altezza del volto, in modo da favorire la visibilità dei pezzi ed eliminare i fastidiosissimi cordoli di recinzione. Fornita, come sempre, l’area commerciale dove merita segnalare la casa siciliana Aitna e Pivato con le sue pregevoli basette.

Nel display dei giudici fra i pregevoli pezzi esposti una sequela di impressionante bellezza e raffinatezza: i master in milliput bianco realizzati da Laruccia per la Soldier (romani del periodo classico e tardo imperiale) e Art Girona (Ramses, Re David, Nabuccodonosor…).

I giudici Massimo Pasquali (Presidente), Adriano Laruccia, Mario Lucchetti, Alfonso Desiderio, Vincenzo De Gaetano, Alex Cortina, Andrea Terzolo, Luca Baldino e Philippe Gengembre hanno avuto il loro daffare per selezionare fra i numerosi modelli quelli da premiare!

Dopo una lunga attesa è arrivato finalmente il 5 dicembre 2008, data dell’apertura della XV Mostra internazionale di Modellismo Storico di Catania.

L’arrivo è reso ancora più piacevole dalla visione dell’Etna innevato ed un cielo azzurro terso. L’accoglienza degli esponenti del CSMS è stata, come sempre, straordinaria. La mostra catanese è divenuta ormai un appuntamento modellistico non solo per gli italiani, ma anche per ospiti internazionali.

Di rilievo la presenza di Sheperd Paine, una pietra miliare del modellismo e le dimostrazioni di pittura di Pietro Balloni e Diego Ruina, nonché  quella di scultura di Andrea Iotti.
I locali erano luminosi e molti i modelli presenti con un alto livello qualitativo anche nella categoria standard. Gli appassionati, inoltre, hanno potuto visitare anche il Museo dello sbarco adiacente alla mostra.

E’ stato un week end piacevolissimo ove ho potuto incontrare molte persone conosciute sui forum  e con i quali ho scambiato quattro chiacchiere modellistiche e non. Non ci rimane che attendere l’anno prossimo e augurare Buone Feste a tutti gli amici del nostro straordinario hobby.

LIONE 23 – 24 Febbraio 2008

Fatta un’altra bella “sfacchinata” del tipo in due giorni Venezia – Mostra di Lione – rientro  a Venezia il tutto in auto con l’unica consolazione di aver trovato tanti amici e di aver fatto una “grande” sosta tecnica (culinaria) di cui dobbiamo essere grati a Davide Chiarabella ma sopratutto alla moglie Giusy per l’ospitalità dimostrataci.
Passata la nottata a parlar di soldatini con Elio e lo “Smilzo” (Davide) nel pieno del vano tentativo di digerire i barili di pasta alla norma, una volta a Lione, abbiamo allestito i tavoli commerciali e esposto i pezzi al concorso.
In quel di Lione oltre ad aver trovato molti amici di Figurintaly (il forum italiano dei soldatini) c’è stata, per così dire un mini meeting del Masterclass Team (gli amici pittori e scultori che  collaborano e sostengono sul piano delle idee e delle attività i nostri marchi).
La soddisfazione è stata doppia, in quanto, alle solenni mangiate, bevute e risate si sono sommati i premi e i riconoscimenti che molti di questi amici hanno meritatamente raccolto in sede di competizione.
A parte Elio Stella e Davide Chiarabella da considerare ormai dei punti di riferimento, siamo contenti di aver visto ottime interpretazioni dei pezzi Masterclass e White Models realizzate da Luciano Palmieri e Luigi Grazioso, ci piace anche ricordare i riconoscimenti e l’ottima presenza  al concorso degli amici Cristina Lustri e Marco Micellone che hanno partecipato al corso tenuto da Sergio Parola nel suo negozio Au Granadier di Torino.