itenfrdees

Costruire un modello navale - 2° Parte
Informazioni di base


Posa del fasciame e finituraCordami - Vele

Posa del  fasciame e finitura
I listelli di fasciame possono essere ottimamente curvati con una candela: bagnate il listello superficialmente (per esempio immergendolo un momento in una bottiglia piena d'acqua) e poi, tenendolo tra il pollice e l'indice, tenetelo sopra una candela curvandolo lentamente. Il calore generato dalla candela basterà a curvarlo a piacere mentre la bagnatura superficiale, oltre a creare il vapore ammorbidente necessario per la curvatura, eviterà che si bruci. Ovviamente attenti a non scottarvi!


Prima di essere curvato però, il listello deve essere "rastremato", cioè una o tutte e due le estremità devono essere assottigliate per chiudersi perfettamente sulla curvatura dello scafo, come sulla cassa di un mandolino. La rastrematura va fatta in modo simmetrico su una fiancata e sull'altra, con l'aiuto di un pialletto, provando e riprovando il listello a secco, prima di incollarlo. Se la rastrematura è sbagliata, a volte si può rimediare anche a incollatura avvenuta, tagliando l'eccedenza con un tagliabalsa.


Conviene installare uno o due listelli per lato iniziando dall'alto e posando il primo listello seguendo la curva del ponte superiore. Lavorate lentamente, togliendo i listelli sbagliati piuttosto che persistere nell'errore.
I listelli incollati vanno fissati temporaneamente con degli spilli che poi andranno tolti a colla asciutta (non occorre perciò piantare del tutto gli spilli; sarà più agevole toglierli).
Sconsigliamo di usare chiodini da lasciare in loco perchè sarebbero sempre fuori scala. Nella realtà, inoltre, i chiodi erano sempre annegati nel fasciame e coperti da tappi di legno che li rendevano invisibili e poco attaccabili dall'acqua di mare.
Di seguito  potete vedere un fasciame di prua perfetto, con i listelli ben rastremati e simmetrici.



A lavoro finito lisciate lo scafo con carta vetrata o, meglio, con una scheggia di vetro, togliendo tutta la colla eccedente. Sul legno macchiato di colla non attecchiranno né cere né mordenti, rovinando notevolmente il modello con antiestetiche macchie.
Finito lo scafo, alberi compresi, e prima di iniziare il montaggio del sartiame, passate tutto con un mordente all'anilina, se volete scurire il legno, e infine rifinite con una normale cera da mobili o da parquet, che luciderete con un panno o una spazzola. La cera darà un bel colore ambrato al legno e lo conserverà sempre morbido e libero di deformarsi. Una crosta di vernice trasparente, invece, si seccherà e ingiallirà, generando col tempo brutte crepe.
A proposito di colori, tutte le navi militari erano dipinte a colori anche vivaci. La VICTORY, ad esempio, celebre ammiraglia della marina inglese ai tempi di Nelson, era dipinta di giallo a bande nere, mentre l'interno dei portelli dei cannoni era rosso vivo.

 Cordami
Poco c'è da dire sul montaggio del sartiame, se non di seguire attentamente le istruzioni, montando un cordino alla volta e cercando di capire la funzione e il percorso di ciascuno di essi. Si usa filo di cotone ritorto di vari spessori, magari colorato nel tè per dargli il colore della canapa.
Le "corde di una nave si distinguono di due tipi: le manovre dormienti e quelle correnti. Le manovre dormienti sono quelle che servono a sostenere gli alberi e i pennoni e che normalmente NON  vengono fatte scorrere durante la navigazione. Di solito sono fatte di cavetto nero, perchè nella realtà erano ricoperte di pece per proteggerle dall'acqua di mare. Il cavo può essere scurito, una volta montato, con nero di china o con il "Nero Diavolo" un colorante per le tomaie delle scarpe.
Fanno parte delle manovre dormienti gli stralli, le sartie, i sospensori dei pennoni, le drizze, le trozze. Molti di questi cavi erano molto grossi e protetti contro lo sfregamento da un altro cordino avvolto tutto intorno alla zona pericolosa. Anche tutta questa "fasciatura" era ricoperta di pece e quindi nera.
A proposito delle sartie (le scalette di corda che servivano ai marinai per arrampicarsi sugli alberi) sarà bene costruirle in opera, una ad una, fissando i nodi con un po' di colla. Il cavetto può essere irrigidito in punta con un po' di colla, diventando così una specie di ago che faciliterà il lavoro.

Le manovre correnti, invece, sono quelle, come dice il nome, destinate a scorrere spesso tra bozzelli e carrucole per la manovra delle vele e dei pennoni. Solo quindi di cavo di canapa color naturale.

 Vele
Sui modelli più impegnativi di solito non si montano le vele, per non appesantire l'alberatura con altri intrichi di cavi (quelli destinati, appunto, alla manovra delle vele) e per non nascondere poi, proprio con le vele, quasi tutto il lavoro fatto.
Volendo montarle ugualmente,si potranno costruire con un tessuto di cotone molto sottile detto "pelle d'uovo", oppure ordinare già fatte ma un po'' più grossolane). Sulle vele vanno fatte cuciture allineate ogni centimetro circa, per simulare i ferzi, cioè i teli che, cuciti insieme, le formavano nella realtà.
Lungo tutto il perimetro va poi cucito un cavetto. E' a questo cavetto che vanno agganciate le altre corde di manovra, per evitare di strappare la tela. La tela può essere scurita immergendola nel te o nel caffè e poi asciugandola con un fon. Un po'' di appretto e il vento del fon daranno alla vela la curvatura necessaria per simulare quella del vento in navigazione.
Alla fine del lavoro non sarebbe male proteggere il modello con una bacheca di vetro. Così durerà anni sempre integro e perfetto e voi, ammirandolo di tanto in tanto, potrete rinnovare la grande soddisfazione provata nel costruirlo... e pensare soddisfatti al prossimo!

Posa del fasciame e finituraCordami - Vele


Le figure sono tratte dal "MANUALE DI NAVIMODELLISMO STATICO" Edito da AEROPICCOLA, Torino, di F.D. Conte e da "MODELLI NAVALI" di Orazio Curti, Ed. Mursia.