itenfrdees

In quest'articolo desideriamo dare qualche suggerimento ai modellisti per un adeguato "invecchiamento dei modelli".
Prenderemo in esame diversi elementi tipici di un qualsiasi veicolo militare e ne suggeriremo la riproduzione con tecniche appropriate.

Polvere: Per la polvere vi sono due modi, il più realistico dal punto di vista del risultato è sicuramente dato dall'uso dell'aerografo che con tinte color sabbia o kaki applicate dal basso verso l'alto a ugello aperto riproducono perfettamente lo strato di polvere dato dai "kilometri" dei vari mezzi militari.

Un secondo metodo è ottenuto con le polveri di colore, reperibili in colorificio, che potranno essere applicate con pennello asciutto. Queste sono impalpabili ma tenaci al punto tale da non poter essere più eliminate del tutto. 
Ogni eccesso viene comunque eliminato semplicemente soffiando sul modello.

 

Lo stesso trattamento può essere apportato, semplicemente cambiando colore della polvere, a marmitte e griglie varie del mezzo per simulare l'effetto degli elementi esposti, continuamente, al calore e ai gas di scarico.

Uno degli elementi che maggiormente fornisce realismo al pezzo è la "colata di ruggine" da applicare sotto ogni sporgenza metallica con pendenza verticale del mezzo, lo si può effettuare con del gessetto color ruggine debitamente sfumato o con del colore a olio "tirato" a degradato con altri tonalità di "vecchio" (grigio scuro, marrone ecc...).

 

Un altro elemento di particolare realismo sui mezzi ruotati è dato dalla sporcatura o dal danneggiamento dei vetri di protezione, facendo attenzione a mantenere pulite le parti sulle quali è in grado di agire con il tergicristalli. Questo effetto è riproducibile perfettamente con l'aerografo e una semplicissima mascherina di protezione dell'area da mantenere pulita. 
Il danneggiamento potrà riprodurre fori di proiettili o vetri rotti e si effettuerà semplicemente forando la plastica e ricreando le spaccature del vetro con la lama appuntita di un cutter